Digressione

Come nasce l’atlante linguistico italiano ?

La storia della nascita dell’Atlante Linguistico Italiano ha qualcosa di epico: tra la prima e la seconda guerra mondiale un uomo solo viaggia per quasi vent’anni per tutta l’Italia per “registrare” con carta e penna le lingue locali, arrivando in posti sperduti, da Erto a Urzulei a Corleone. Conosce migliaia di donne e uomini, fotografa i loro visi in bianco e nero e trascrive con carta e penna le loro parole, le storie e i modi di vivere. Ugo Pellis dovrebbe visitare mille paesi, secondo l’incarico previsto dall’istituto dell’Atlante,  ma non riesce a concludere la sua avventura.

Oggi l’impresa di Pellis può essere realizzata in modo collaborativo, in un progetto che usi tecnologie digitali in modalità aperta, facendo emergere una rete motlo vasta di persone ed enti interessati alle lingue locali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...